viernes, 1 de mayo de 2015

Fiorin Fiorello





IX Exposición Individual de Fotografías: “Auroras y Ocasos” del 2 al 17 de Mayo, en la Galería de arte MAXART.  






Solo
Sono solo da quanno ho aperto gli occhi
e solo me sentirò sino agli ultimi rintocchi,
tutti t’embrojano da quanno sei ne la culla,
te credi dentro ‘na folla ma solo sei nel nulla.









Sorriso
È la forza tua più bella e disarmante,
abbassa un fucile e er cruccio de n’amante,
‘sta brutta gente t’ha attristito er viso,
alla faccia loro facce er tuo più bel sorriso.








Una rosa
Regalo una rosa a mia moglie,
sfiora con le labbra le foglie,
le sente le bacia e se ne va.
Il profumo è per l’eternità.








Giudizio
Tu che me condanni prima de giudicá,
mettete le scarpe mia e inizia a camminá,
sarai uno che ha tentato sofferto e riso,
caduto e riarzato ma vissuto er paradiso.








  
Un fiore

So’ tanto bello ma duro troppo poco,
la vita mia è stare sempre in loco,
la rugiada me bacia co’ ‘na goccia,
posso spuntá e cresce su ‘na roccia.

La tenerezza è una mia fortuna,
nun poi di che mejo de me è la luna,
sto’ ner mezzo tra l’amore e la donna,
a fianco m’accetta pure la Madonna.

Quanno viè l’autunno co’ la sua tristezza,
co’ me vicino se cambia tutto in dolcezza,
poi conquistá intimità amicizia e amore,
poi sceglie pure la sposa solo co’ un fiore. 
























































































































© 2015 by Enzo Casamassima. All rights reserved. No part of this document may be reproduced or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical, photocopying, recording or otherwise, without prior written permission.


miércoles, 1 de abril de 2015

“Carcere” Zoologico... Basta! Chiudeteli!







VIII Exposición Individual de Fotografías: “Ven a Ver” del 2 al 17 de Abril, en la Galería de arte MAXART.  








Tradizioni
Er fatto è risaputo tanto che se studia pure a scola,
de du’ gemelli che succhiaveno er latte a ‘na bestiola,
la tradizione continua pure oggi a ricordo de la balia
e tutti i suoi nipoti ancora e mejo succhieno l’Italia.







Quella giusta
Pijateve la donna giusta quella c’amate senza vergogna,
pe’ staje vicina en allegria pure se je vié la rogna,
sinnó devi inventá mille scuse pe’ anná co’ l’artra,
come mi fratello che díce a su moje che nun s'arza.











Brezza

Passa una brezza un alito di vento,
alza l’animo e il capo d’un armento,
abbassa le cime irregolari e le creste,
poi ritornerà la solita vita agreste.








Cambi
Se po’ cambiá idea su’n partito e modificá corente,
se po’ cambiá idea sopra er sesso e diventá coerente, 
si parli de Dio nun cambio so’ cristiano so’ fervente,
ma si devo rispettá le leggi sua nun m'aricordo gnente.







Paese mio
Potrei fa’ un’opera immortale o spostá ‘na montagna,
riceve complimenti dar monno o da l’intera Spagna, 
ma dar paesetto mio nun s’arza manco ‘na parola,
fosse invidia che serpeggia o prepareno ‘na sola?













Ciao Uomo! Come stai?











































































































































































































































© 2015 by Enzo Casamassima. All rights reserved. No part of this document may be reproduced or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical, photocopying, recording or otherwise, without prior written permission.


domingo, 1 de marzo de 2015

Carnaval de Santo Domingo V





VII Exposición Individual de Fotografías: “Carnaval de Santo Domingo 2009-2012” del 7 al 22 de Marzo, en la Galería de arte MAXART.  





Crimini al buio
La tal mamma ha ucciso er fijo pe’ ‘na pura coincidenza,
nartra l’ha smorzato er core sin da la sua adolescenza,
le criminali so’ così tante che so’ entrate nella norma,
perché massacrare er corpo nun è l’unica forma.






Strategie
Er cane fece ar gatto: Quanno ringhio nun t’azzanno,
é pe’ famme da la carne dar padrone che m’affanno,
come quanno er popolo strilla pe’ le male decisioni
e je danno un posto de lavoro pe’ levalli dai cojoni.







Apparenze
Napoleone er piccoletto affamato de conquiste,
la formica en rapporto è più forte de Maciste,
er fiore brutto è pieno de le più belle essenze,
nun te poi mai fidá dell’apparenze.







Missionari
Vanno come en guera tra li poveri a fa li missionari,
pe’ aiutá er prossimo senza farse pagá come mercenari,
er Papa con ‘na solenne cerimonia l'ha pure benedetti,
partite voi pe’ prima che’n tanto io preparo li moschetti.







L’artruista
De ‘sta vita condenato a esse artruista,
de cultura me vojo embriagá e fa l’artista,
passá er tempo a divertí come un cretino,
quella gente che nun paga manco er becchino.
























































































































© 2015 by Enzo Casamassima. All rights reserved. No part of this document may be reproduced or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical, photocopying, recording or otherwise, without prior written permission.



domingo, 1 de febrero de 2015

Colón y yo





VI Exposición Individual de Fotografías: "Arroz" del 7 al 22 de Febrero, en la Galeria de arte MAXART. 






Diritti
Sino alla morte pe’r diritto d’espressione,
ma pe’ l’artre culture tolleranza e comprensione,
a che te serve pubblicá bozzetti offensivi,
schernire e ferire so’ i tuoi miseri obiettivi?







Africani
L’ebola va n’dove stanno l’africani,
er terremoto è attratto da l’haitiani,
la puzza de li piedi propizia la scalogna,
ma chi nun li aiuta se merita la gogna.








La coscienza
Un regazzino pe’ malizia afferró tutto er fardello.
Una voce je disse: Che stai a fa stai a rubbá a tu fratello?
Nun m’ha visto e nun ci’ha pe’ me importanza.
T’ho visto io che so’ la voce della tua coscienza.







Le banche
A sopportá i soprusi de le banche nun so’ più avvezzo,
recordo che quanno entravo sentivo un gran lezzo,
quanno ci’avevo i sordi m’adescaveno cor cocchio,
ora che nun ci’ho più gnente m’enviteno cor cacchio.






Roma Capitale
Passaveno calde notti co’ le stravaganze le più matte,
svuotaveno le botti facevano er bagno dentro ar latte,
quanno c’erano li nostri nonni a li tempi dei romani,
pe’ divertisse facevano ‘na brutta fine li cristiani.

L’imperatore era divino grande omo de successo,
cor minore faceva l’amore senza sta’ a guardá ar sesso,
sur popolo teneva er diritto de vita o morte,
ma le sue abitudini erano le più contorte.

Perciò cari fratelli prima de giudicá questi e quelli,
compatrioti amati pesate prima li vostri peccati,
tra er più e er meno la differenza nun è abissale,
Roma la maliarda l’eterna è tanto nostra ‘stá capitale.




Quando gli italiani penseranno all’Italia come alla persona più cara, cui dedicare solo affetto e cure, allora saranno sconfitte non solo brutalità e ignoranza, mafia e corruzione ma anche la crisi economica.














Fotografías extraídas del DVD “Colón y yo” sobre los Monumentos más significativos de la República Dominicana.


































































































































































© 2015 by Enzo Casamassima. All rights reserved. No part of this document may be reproduced or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical, photocopying, recording or otherwise, without prior written permission.