miércoles, 1 de febrero de 2017

Disegni





XXI Exposición Individual de Fotografías: "Carnaval de Santo Domingo 2013-2016" del 4 al 19 de Febrero, en la Galeria de Arte, MAXART. 






L’importanza di una margherita


Un uomo correva nel verde di un grande parco cittadino, grondante di sudore. Passo felpato e sicuro, metteva alla prova i suoi potenti muscoli resi lucidi dai raggi di luce che bersagliavano il suo sudore, attraverso le fronde dei maestosi alberi. Portamento austero, di un fante medioevale che si accinge a una campagna bellica. Sfidando la fatica, in ogni seduta atletica riusciva a varcare i suoi limiti che pareva non avesse. Uno sguardo narciso verso il muscolo retto femorale, una piccola distrazione e il piede in fallo, portò la sua immane figura, scomponendosi, a sbattere pesantemente contro il cordolo che delimitava il vialetto. Un gran tonfo e il buio. Aveva sbattuto il capo contro quel corpo granitico. Esamine, era disteso con gli arti superiori in avanti e la faccia contro il prato, appena oltre il cordolo.

Quando riprese conoscenza, sentì un forte dolore alla testa e l’impossibilità di muoversi. Un urlo di dolore si levò al cielo. Intesa la gravità dell’accaduto, rimase a terra con gli occhi chiusi. Poi li aprì lentamente per riprendere contatto con la realtà circostante. Vide sotto i suoi occhi, sul prato, una margherita bianca, piccola e flebile, tremolava instancabilmente a ogni suo respiro. Sino a quel momento non aveva mai prestato attenzione a un’insignificante margherita. Adesso gli sembrava grande e bella. Gli sembrava la cosa più attraente e importante del mondo e per la prima volta la guardava con amorevole tenerezza. Poi, una farfalla multicolore si posò sul braccio a un palmo dai suoi occhi. Aveva colori vivaci e muoveva ritmicamente le sue fragili ali, come a segnalare la sua presenza.

Nella disperazione della situazione, sentiva che la margherita lo guardava con tanta dolcezza, come a rivolgergli la parola e lui come se l’avesse sempre ammirata e amata. L’avrebbe voluta baciare e stringere a se; contemplare e accarezzare tutto quel che era infimo e insignificante, quello che sino a quel momento non aveva avuto la sensibilità e l’accortezza di guardare con la dovuta attenzione, la stessa che bisogna dare anche alle cose piccole.

Quando stai in credito con la sorte, quando stai a un passo dalla morte, ogni cosa ti par gradita, con tutto il bene condita. Quando stai in bilico su un dirupo e tutto ti pare perduto, gradisci anche uno strillo in lontananza, una pietra che brilla a distanza.

Immobile e con i pensieri e le paure che si accavallavano, le brume della notte cominciavano a farsi largo lentamente. Una generosa luna spuntava tra le foglie di un albero, macchiando con ondate di luce il laghetto adiacente. Chiuse ancora gli occhi, questa volta per sempre. Qualcosa uscì dal suo corpo che cominciò a lievitare, mentre osservava l’intorno con amore e tenerezza…

Quando lo spirito non è soggiogato dalla materia, pensa e si comporta amorevolmente.

Ama il piccolo e l’indifeso, porgi attenzione al discriminato e all’indesiderato. Guardando il mondo con bontà, migliori la tua vita.














La importancia de una margarita


Un hombre corría en el verde prado de un gran parque  urbano, chorreando de sudor. A paso silencioso y seguro, probaba la fuerza de sus potentes músculos abrillantados por los rayos de luz que bombardeaban su sudado cuerpo, a través de las hojas de los árboles. Porte austero, como el de un infante medieval que se apresta para una campaña bélica. Desafiando la fatiga, en cada sesión atlética conseguía cruzar sus límites que al parecer no tenía. Una mirada de absoluta aprobación hacia su músculo recto femoral, una pequeña distracción, un paso en falso y su colosal figura se desplomó al colisionar violentamente contra el borde que delimitaba el camino. Un gran estruendo y luego la oscuridad. Había golpeado la cabeza contra aquel cuerpo granítico. Exánime, estaba tendido con los brazos hacia delante y el rostro contra la hierba, un poco más allá de la acera.

Cuando recobró el conocimiento, percibió un dolor agudo en la cabeza y la incapacidad para moverse. Un alarido de dolor se elevó hasta los cielos. Comprendiendo la gravedad de lo sucedido, permaneció en el suelo con los ojos cerrados. Después los abrió lentamente para retomar contacto con el ambiente circundante. Vio ante sus ojos en el prado, una margarita blanca, pequeña y flébil, temblando sin descanso al compás de su respiración. Hasta aquel momento nunca le había prestado atención a una  insignificante margarita. Ahora le parecía grande y bella, la cosa más hermosa e importante del mundo y por primera vez la contemplaba con cálida ternura. Después una colorida mariposa se posó en su brazo a un palmo de sus ojos. Tenía brillantes colores y movía rítmicamente sus frágiles alas, como para señalar su presencia.

En esta desesperada situación, sintió que la margarita lo miraba con tanta dulzura, como si quisiera dialogar con él, como si siempre lo hubiera admirado y amado. Le habría gustado besarla y abrazarla; contemplar y acariciar todo aquello que era humilde e insignificante que hasta entonces no había tenido la sensibilidad y la previsión para mirar con la debida atención, la misma que hay que otorgarles a las pequeñas cosas.

Cuando estás en crédito con la suerte, cuando estás al borde de la muerte, cada cosa te parece bienvenida, de todo bien adornada. Cuando te queda solo un latido y todo te parece perdido, agradeces hasta un grito en la distancia, una piedra que brilla en lontananza.

Inmóvil, con los pensamientos y temores que se acrecentaban, las brumas de la noche comenzaron a esparcirse lentamente. Una ingente luna se asomaba detrás de las copas de los árboles, manchando con sus luminosos rayos el lago adyacente. Cerró sus ojos nuevamente, esta vez para siempre. Algo salió de su cuerpo que comenzó a levitar, mientras observaba su entorno con amor y ternura…

Cuando el espíritu no está subyugado por la materia, piensa y se comporta amorosamente.

Ama al pequeño y al indefenso, pon atención al discriminado y al indeseado. Mirar el mundo con bondad, mejora tu vida.































































Disegni tratti dal Libro: "La Discordia di Venere"





© 2017 by Enzo Casamassima. All rights reserved. No part of this document may be reproduced or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical, photocopying, recording or otherwise, without prior written permission.


domingo, 1 de enero de 2017

Agua y Roca






Todo nació de la nada

Las leyes de la física, una por encima de todas, la gravedad, resuelven las cuestiones del nacimiento del universo. Como Darwin en 1859, con la teoría de la evolución biológica de nuestra especie ha desmentido las Sagradas Escrituras y la existencia de un dios creador, por este motivo, en las últimas décadas hemos llegado a la refutación definitiva desde el punto de vista de la  física. El universo  no necesitó de un creador. El universo se creó  a sí mismo, de la nada y no fue un dios a crearlo.

¿A quién creer? ¿A la religión que se basa únicamente en la fe o en la ciencia que se basa en la evidencia? ¿A quién creer? ¿A los científicos que cotidianamente estudian y aumentan nuestro conocimiento, dejando que la gente decida su propio credo cotidiano y espiritual, sin pretender más allá del debido o a quien repite servilmente desde hace milenios, las mismas historias sin sentido lógico, sin aportar nada a la humanidad, por el contrario obtienen la solución para sus existencias y para no desaparecer, como un camaleón se adaptan a las nuevas situaciones sociales? 

Los descubrimientos científicos revelan en forma inequívoca que la formación del universo fue  una consecuencia inevitable de las leyes de la física y del Big Bang, dictó el principio del tiempo.







Tutto è nato dal nulla
Le leggi della fisica, una su tutte, quella della gravità, risolvono i quesiti sulla nascita dell’universo. Come Darwin nel 1859, con la teoria dell'evoluzione biologica della nostra specie ha smentito le Sacre Scritture e l'esistenza di un dio creatore, così negli ultimi decenni siamo arrivati alla smentita definitiva dal punto di vista della fisica. L'universo non ha avuto bisogno di un creatore. L'universo si è creato da sé, dal nulla e non è stato un dio a crearlo. 
A chi credere? Alla religione che è basata solo sulla fede o alla scienza che è basata sulle prove? A chi credere? Agli scienziati che quotidianamente studiano e aumentano la nostra conoscenza, lasciando che la gente decida il loro credo quotidiano e spirituale, senza pretendere oltre il dovuto o a chi ripete pedissequamente da millenni oramai, le stesse storie senza senso e filo logico, senza apportare nulla all’umanità, anzi ricavandone la soluzione alle proprie esistenze e per non scomparire, camaleonticamente, si adattano alle nuove situazioni della società?
Le scoperte scientifiche dimostrano inequivocabilmente che la formazione dell’universo fu una conseguenza inevitabile delle leggi della fisica e il Big Bang, dettò l’inizio del tempo.






















































































































© 2017 by Enzo Casamassima. All rights reserved. No part of this document may be reproduced or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical, photocopying, recording or otherwise, without prior written permission.



jueves, 1 de diciembre de 2016

Aves Aves





Joyeux Noel et Bonne Année







XX Exposición Individual de Fotografías: "Aves IV" del 3 al 18 de  Diciembre, en la Galeria de Arte, MAXART. 
















































































































© 2016 by Enzo Casamassima. All rights reserved. No part of this document may be reproduced or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical, photocopying, recording or otherwise, without prior written permission.



martes, 1 de noviembre de 2016

Innocente





XIX Exposición Individual de Fotografías: "Aves III" del 5 al 20 de Noviembre, en la Galeria de Arte, MAXART. 





Innocente

Quanno arriva l’ora dopo tante scappatelle,
a San Pietro devi raccontá le marachelle.
Fui ‘na gran persona e pieno de morale,
quindi Santità sia pietoso co’ ‘sto rituale.

Tutti dicono lo stesso ma ne lo specifico,
disse San Pietro me suggerisce San Pacifico,
che co’ ‘n’amico fosti un tanto irriverente,
disprezzato l’obbligasti a partì miseramente.

Quindi devi anná en quer posto a espiare,
cammina che t’aspetta ‘na pena esemplare,
le persone nun se trattano crudelmente,
soprattutto lui ch’era n’amico veramente.

No! Nun me poi fa ‘sto scherzo colossale,
se ho peccato fu quar’cosa de veniale,
lui se n’annava e spariva abitualmente,
se lasciò la casa e la patria fu scientemente.

Arriva n’artro e attacca con la stessa storia,
so’ stato bono nun ho fatto mai ‘na sparatoria,
ho amato tutti Eccellenza e me pare evidente,
che nun ho rubbato e nun so’ stato un 
delinquente.

Vabbé rispose San Pietro nun te stancá,
tutti dicono cosi ma ne le viscere devi anná,
quel tal parente l’hai rovinato volutamente,
anche se te dichiari come tutti innocente.

Un di quella persona arriva de fronte ar Gajardo
e siccome en vita nun era stato mai un buciardo,
colpevole me dichiaro disse pe’ nun avé 
sopportato,
le angherie de tutti e su un isolotto so’ scappato.

Ho subito ho sperato che il lassismo se n’annasse,
ho sofferto aspettanno che quarcuno me fermasse,
poi li mannai affanculo e m’emboscai 
allegramente,
ma ve lo giuro li ho sempre amati tutti 
ciecamente.
  
Vié qua entra! Pe’ te la porta è sempre aperta,
dall’alto avemo visto semo stati sempre allerta,
er tuo sano contegno è apprezzato sinceramente,
nun altro riferire poi passá tranquillamente.

‘Sti stronzi t’hanno additato ferito e poi scartato,
con viltà e malvagia t’hanno usato e poi gettato,
so’ stanco de sentí fregnacce da dumila anni,
sbraitano se difennono ma poi pagano li danni.

Se rinasco starò attento a nun rifá er sensibile,
nun darò retta a li gesti artrui sarò inflessibile,
come loro sarò falso e ostile sistematicamente,
me ne fregherò der monno intero costantemente.


© 2016 by Enzo Casamassima. All rights reserved. No part of this document may be reproduced or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical, photocopying, recording or otherwise, without prior written permission.

sábado, 1 de octubre de 2016

Roma





XVIII Exposición Individual de Fotografías: "Aves II" del 15 al 30 de Octubre, en la Galeria de Arte, MAXART. 






I sette re di Roma furono otto

Quegli esseri che abitavano alcune sparute capanne costruite con il fango, nel mezzo della penisola, tra le anse armoniche di un fiume chiamato già dalle orde limitrofe, Tiber, vivevano pescando nelle sue acque e cacciando nei boschi circostanti, usando oggetti costruiti con sassi scalfiti e ossa di animali. Vivevano in maniera inumana, lavorando duramente la terra per ricavarne cipolle, legumi e formaggi dal bestiame allevato. Cuocevano una sorta di focaccia che ammorbidivano nel latte, facendone l’alimento più economico e diffuso. La loro provenienza era sconosciuta. 

Si suppone fosse il 21 Aprile del 753 A. C. quando uno di loro, dopo aver tracciato un solco perimetrale per costruirci dentro un villaggio, commise un fratricidio, sgozzando il fratello, tra l'altro gemello, che aveva osato scavalcare tale solco. Cosi morirà chiunque tenterà di scavalcarlo, disse. Il suo nome era Romolo. Alcuni uomini rudi e violenti lo seguirono, per sviluppare il suo progetto che dopo un inizio soddisfacente, non decollava. Per sviluppare una comunità, mancavano le donne. A tanta asprezza mancava la delizia, la prelibatezza, la scintilla della vita. Nessuna dei villaggi vicini voleva unirsi a uomini cosi selvaggi e rozzi. Romolo quindi escogitò uno stratagemma che avrebbe risolto il problema.

Erano trascorsi quattro anni dall’inizio del sogno, quando ai primi di Agosto, per festeggiare il dio Conso, protettore dei raccolti, invitò nel suo territorio il popolo adiacente dei sabini. Questi ultimi, incuriositi dall’iniziativa dei nuovi vicini, accorsero in massa. Nel mezzo dei festeggiamenti, tra baldorie e rilassatezze, a un cenno, gli uomini di Romolo, fulmineamente rapirono le donne più giovani e le rinchiusero nelle loro abitazioni. Non avevano intenzione di stuprarle ma farle diventare loro mogli. Il ratto riuscì pienamente tra le grida e il dimenarsi delle giovani e forti pulzelle. Alla fine se ne contarono 683. Dopo un primo sbandamento e superata la sorpresa, i sabini reagirono a tale affronto, assediando il villaggio romano. Assedio si fa per dire, tutto è relativo. Infatti, dopo tre anni di scaramucce, le sorti del confronto non erano ancora definite. Il conflitto sarebbe andato avanti all’infinito se una sabina di nome Ersilia, andata in sposa proprio a Romolo, non avesse avuto un’idea. Riunì tutte le donne, le quali vestite a lutto, irruppero sul campo di battaglia con i pargoletti nel frattempo concepiti con i romani, implorando la loro gente di fermarsi, se non avessero voluto che i bimbi diventassero orfani e loro stesse vedove. I sabini, popolo austero, con a capo il re Tito Tazio, intesero e fermarono la contesa.  

I romani e i sabini passarono dalla guerra, alla pace e persino all’unificazione dei territori. Sulla via Sacra ci furono i primi grandi festeggiamenti della storia di Roma e la comunità ebbe per un periodo di cinque anni, due re al comando. Romolo, re dei romani e Tito Tazio, re dei sabini, i quali comandarono in una sorta di monarchia collettiva. Entrambi avevano gli stessi oneri e onori. 




Tratto dal Libro di Storia sull'Impero Romano: "Voci dall'Antica Roma"
























































































































© 2016 by Enzo Casamassima. All rights reserved. No part of this document may be reproduced or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical, photocopying, recording or otherwise, without prior written permission.