sábado, 1 de diciembre de 2012

Roma Rinascimentale







La rivoluzione dei fessi


È dire che ci’avemo messo tutte l’energie,
arrivanno en poco a nuove gerarchie,
pe’ cambiá er monno de li nonni nostri,
noi’artri ómini giudicati esseri sinistri.


Poverelle quante ingiustizie e quante scalogne,
tutt’er giorno a lavorá soffrendo e incassá vergogne,
ma a li tempi de Petrarca ‘na donna era Madonna
e pure quando c’era Leonardo se chiamava Monna.


E mo’ nun c’è credo tanto a questa storia
e se hanno patito fu ‘na pena transitoria,
avranno preso si quarche schiaffone,
ma era pe’ aiutarle a coregge la visione.


Ora verso l’omo ci’hanno pure un pregiudizio
e pe ‘na carezza ar culo te porteno en giudizio,
“Ce toje dignità e ci’hanno rotto er cacchio!”
Me sa che l’abbiamo preso dentr’ar secchio.


Er 68 è stata la rivoluzione de li fessi,
l’avemo fatta senza pensá a l’interessi,
ma nun c’è potevamo fa li fatti nostri
e no! Avemo pensato de concede li diritti.


Aooh! Pe’ te tanti problemi ho affrontato!
E tu en cambio che m’hai dato?
L’indifferenza e l’astinenza!
E adesso sei tu a fa ‘na prepotenza!


Che centramo cor passato si l’hanno trascurate,
adesso ‘ste donne so’ pure divorziate
e da quanno mi moje se messo er pantalone,
sto a fa sempre la figura der cojione.


















































































































© 2012 by Enzo Casamassima. All rights reserved. No part of this document may be reproduced or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical, photocopying, recording or otherwise, without prior written permission.

No hay comentarios:

Publicar un comentario en la entrada